Cinque anni di storia con Bonzi Buddy

e vabbe'..lasciate ogni speranza voi che entrate

armatevi di coraggio e sfogliate il blog

computer-immagine-animata-0026

QR Code di questo blog

Generatore di codici QR

Instagram

Instagram

Il mio profilo in Linkedin Carlo Bonzi

Spread in tempo reale..ammazzate se e' schifa

cercami in Linkedin

Veni, Vidi, WC.

In classifica

Riconoscimento

Riconoscimento

Sto rilevando il tuo IP e non dirlo a nessuno.

Sign by Danasoft - For Backgrounds and Layouts

Il post e' scritto in Togolese ma tu prova a cambiare lingua.

E' l'ora della distensione ..leggi il post

Questo e' il mio motore di ricerca, scrivi una parola e clicca sul cerca

domenica 27 maggio 2012

Basta Censura..


E dai.. finalmente li possiamo chiamare ufficialmente col loro nome senza tema di esser citati a giudizio grazie alla Cassazione ci dette il permesso. Che cosa? Eh un caiser, un momento, mica siamo certi che tutte le Procure e tutti siano al corrente e soprattutto allineati in fila per sei col resto di due..dicobene Maria advocata miam. Per il momento sara' piu' prudente che "quelli" siano innominabili.. e se proprio qualc1 vuole nominarli fara' meglio ripescare dal linguaggio di generazioni non troppo lontane...“i cosiddetti” e chi segue le mie elucubrazioni tipo il post precedente dove sono stati nominati almeno 85 volte, capira’ il ripetersi di parole all’indice e anche al medio che forse e’ piu’ appropriato. Erano tante le parole che non si potevano dire fino a pochi anni addietro. Una societa' che sentiva ancora troppo prossime le sue origini contadine doveva evitare di chiamare le cose col loro nome, come innocentemente si usava in campagna, specie se riguardavano parti del corpo o..cosa terribile..il sesso. Bah..una signora di medioborghesia non si sarebbe mai azzardata di nominare i piedi davanti alle sue amiche..si ho detto i piedi..bisognava dire "i medesimi" o cautelarsi almeno premettendo un " con permesso parlando".. Figuriamoci se si doveva salire un poco piu' insu', verso quelle che i latini chiamavano le pudenda e la nostra lingua, piu' timorosa ed ancor in uso presso la punta dello stivale e anche il tacco..le vergogne (sentito dai miei parenti acquisiti by seconda mugliera). Chissa' perche' vergogne boh..questo non me l’hanno spiegato e quindi ho sempre pensato fosse questione misurativa, io non mi vergogno affatto cmq, alla Rai nei primi anni 50, zelanti supervisori cancellavano dai testi destinati agli speaker espressioni traditrici come " in seno al governo" o pericolosissima "i membri delle commissioni". Circolava un manuale per i redattori del giornale radio che erano esortati a scrivere per esteso tutti i nomi degli enti pubblici, perche' qualche attentatore alla moralita' non leggesse al microfono, in sigla ..la Federazione Italiana Consorzi Agrari che fu poi chiamata Federconsorzi...Ma gli studiosi sanno che il meccanismo dell'interdizione linguistica ..e' pericoloso, genera per necessita' di compenso il bisogno della violazione. Non c'e' alcun gusto ripetere la parola consentita dal bon ton, molto di piu' ad usare quella proibita, che da' l'idea della spregiudicatezza, modernismo, sfida alle convenzioni. Finche' la stessa parola, consumata dall'abuso, finisce con il perdere il significato originario, ne assume un altro, che diventa innocuo, cambiando pelle di traslato in traslato. Le buone signore (leggasi buone e non bone) della media borghesia, che non avrebbero mai nominato i piedi lasciavano scivolare tranquillamente nel discorso, un "pinco pallino" o un "prenderla sottogamba" senza sospettare la perfida origine di quelle espressioni.
Grazie Signori della Cassazione, per avere sdoganato la parola che corre con piu' frequenza nei trivii, assolvendo quel giovane perugino colpevole di averla usata. Ora tutti potranno aggiungere al verbo transitivo "rompere” quel complemento oggetto da cui si guardavano, peccando contro la sintassi pur di non commettere un peccato di turpiloquio. E, gia' che ci siete, fate sapere alle vigilesse Borgaresi, di non rompere...E quindi quell'offesa a pubblico ufficiale per aver pronunciato verbo transitivo e complemento oggetto era nel contesto di un discorso legato si alla persona, ma in maniera amichevole ..in senso lato appunto e quindi e' il caso nei confronti di quella denuncia di ritirarla, anche perche' il fatto non sussiste a parte il consiglio di andarselo a prendere dove il sole batte poco che manco si e’ sentito e se non fosse stato per il dito medio sollevato,,manco si sarebbe capito, toccare per credere.. ma non da parte del  pubblico ufficiale ma dalla persona da me incaricata che mi sta leggendo anche perche' se lo facessi fare da altre persona la mia integrita' ne andrebbe di mezzo e potrei fare parte del coro delle voci bianche della parrocchia Porcarese in un prossimo futuro..dico bene Cassazione Perugina oppure sono facente parte di un mondo diverso e mi dovro’ limitare a pensare a voi solo per le confezioni vendute con dentro i messaggini...

Nessun commento: