Un lustro di storia con Bonzi Buddy

I love this version, it's so quiet, beautiful and relaxing

e ora dopo il relax..lasciate ogni speranza voi che entrate

armatevi di coraggio e sfogliate il blog

computer-immagine-animata-0026

QR Code di questo blog

Generatore di codici QR

Instagram

Instagram

Il mio profilo in Linkedin Carlo Bonzi

Spread in tempo reale..ammazzate se e' schifa

cercami in Linkedin

Veni, Vidi, WC.

In classifica

Riconoscimento

Riconoscimento

Sto rilevando il tuo IP e non dirlo a nessuno.

Sign by Danasoft - For Backgrounds and Layouts

Il post e' scritto in Togolese ma tu prova a cambiare lingua.

E' l'ora della distensione ..leggi il post

Questo e' il mio motore di ricerca, scrivi una parola e clicca sul cerca

domenica 4 febbraio 2018

Bondi ex cortigiano.

Questo post "interessantemente" pubblicato su “il Foglio” e' dedicato a Sandro Bondi, il poeta versaiolo prestato alla politica che oggi nessuno vuole e a suo tempo il misero ha dedicato anima e scritti al buon Berluska ed era forse battuto in fatto di fidaggine dall' Emilio Fede in qualita' di re negli elogi e nei complimenti al capo, pubblicandone in modo patologico il suo “Lo Amo”.
Silvio accolse Bondi e lo fece ministro dei Beni culturali e anche coordinatore di Forza Italia.
Nel 2014 Bondi pero' rompe con Arcore e diventa Renziano, ma senza la sudditaggine mostrata nel periodo berlusconiano.
Oggi che nessuno si e' ricordato di listarlo, Bondi e' lo strumento perfetto nelle mani della propaganda antiberlusconi.
Adesso si dichiara “pentito” di tutto quel suo amore per Berlusconi e si flagella parlandone col "Fatto quotidiano": “Provo vergogna per quello che ho fatto.
Se penso a mio padre, a quel che intendeva lui della vita, del rigore, dell’integrita' che ciascuno deve custodire.
Della dignita' che invece suo figlio non ha avuto.
Se raccolgo i ricordi mi trovo immerso a fare l’esegeta cieco.
Sono addolorato perche' non dovevo essere li'”.
E ancora: “Sono stato un cortigiano, ecco la parola esatta. Quando ho avuto il potere l’ho esercitato nel modo che oggi dico peggiore…”.
Viene dipinto come un uomo distrutto dai rimorsi, Sandro Bondi, compagno nella vita di un’altra forzista pentita, Manuela Repetti, anche lei non ricandidata.
E non stupisce, perche' in fondo Bondi ha l’animo fragile del poeta, preda di illusioni, delusioni e grandi passioni.
E a un grande poeta si ispiro' quando defini' Berlusconi uno che come il conte Ugolino divora il cranio dei suoi figli.
Lo stesso Berlusconi che un tempo era per Bondi “vita splendente”. Insomma, si cambia. Anche radicalmente.
E in campagna elettorale anche Bondi va bene, tra una promessa e l’altra, per animare la campagna elettorale contro il centrodestra.
Il Fatto by Stefano del resto non poteva farsi sfuggire l’occasione di vignettarlo visto che a Bondi aveva gia' dedicato i versi satirici di Mimmo Lombezzi che riassumono bene la carriera e le giravolte di Sandro Bondi:
Da sindaco marxista
ch’io fui di Fivizzano
divenni liberista!
E a Silvio offrii l’inchino…
Del leader meneghino
io fui sommo poeta.
Divenni il suo zerbino:
Lodarlo? Unica meta!
Nel cantarlo incantato
nessuno arrivo' a tanto!
Dissi che era L’Inviato
dello Spirito Santo!
Poi un giorno inviperito
dal miele che ho versato
estrassi tutto il fiele
che avevo digerito.
Ai suoi servi e famigli
dissi ch’era “Ugolino…
che divorava i figli!
dalla sera al mattino…
Cosi' virai di botto:
divenni Verdiniano
Un modo liberista
di essere Renziano…




 






Nessun commento: